Torino: Olimpiadi, uso civico di beni comuni e metamorfosi

postato il 20 Set 2018
Torino: Olimpiadi, uso civico di beni comuni e metamorfosi

Giovanni De Luna, ex-compagno di Lotta Continua, firma ieri un bell’articolo su La Stampa in cui racconta le metamorfosi che la mia cittá ha subito dal dopoguerra, cioè da quando io sono nata, dal suo punto di vista sessantottino e maschile, di docente universitario che si chiede melanconicamente dove oggi Torino stia andando. Oggi quando sta sotto i riflettori per la sua esclusione dalla candidatura olimpica.

Sono passati solo due anni dalla sorprendente vittoria di una giovane donna, Chiara Appendino, che accettó coraggiosamente di candidarsi... Continua

Pubblicato in: Diritti umani, Donne, politica, sport

con chi stai?

postato il 9 Set 2018
con chi stai?

Poco tempo fa una donna ultraottantenne prese un foglio e un pennarello, ci scrisse sopra che lei, nome e cognome, cattolica, diceva SI ai migranti nel suo paese e nella sua casa e si mise davanti ad una chiesa di Arco (Trento) all’uscita della messa per testimoniare la sua solidarietá, sola, senza sigle, mettendoci la sua faccia e il suo nome. Da allora ogni settimana una staffetta ha ripreso questa modalitá e manifesta nello stesso modo. Ma sabato, 8 settembre, 75 anni dopo proprio nell’anniversario della firma dell’armistizio da parte di Badoglio, tante e tanti hanno deciso in... Continua

Pubblicato in: Diritti umani, Donne,

Femmine Alfa

postato il 15 Lug 2018
Femmine Alfa

Ieri abbiamo manifestato a Ventimiglia in tante e tanti, a partire dal ponte sotto cui si accampano i migranti che vorrebbero passare la frontiera, per manifestare... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Diritti umani, Donne,

Nidi e non ghetti: da Caranzano

postato il 24 Giu 2018
Nidi e non ghetti: da Caranzano

Nel decimo anniversario di Altradimora, diventata ora associazione a cui invito tutte le amiche che la conoscono, Monica Lanfranco ci ha fatto un regalo la sera del nostro arrivo: un video di allora dal titolo il corpo indocile che raccoglie documenti veramente emozionanti. La morte di Welby in diretta attorniato dai suoi cari che pronuncia le ultime parole: “eccola che arriva” e la nascita dolce in una piscina d’acqua di alcuni bambini in giro per il mondo. In una di queste nascite si vedono di schiena due teste che osservano dentro la piscina le ultime doglie della madre e poi, quando il bimbo viene espulsodall’utero (eccolo che arriva) e comincia a galleggiare nell’acqua, due manine lo raccolgono... Continua

Carica altri articoli