Archivio dell'anno

2009

Clima, fame e libertà

postato il 18 nov 2009
Clima, fame e libertà
Obama e Hu Jintao, USA e CINA, si sono incontrate e l’Europa ha avuto un sussulto. Tutti i giornali europei hanno espresso la preoccupazione di uno svuotamento del prossimo vertice di Copenaghen sul clima. Durante questi incontro si è svolto a Roma il vertice FAO che chiuderà oggi, con la sola partecipazione di Berlusconi e del suo amico Gheddafi che non ha perso l’occasione di fare una delle sue pagliacciate, pagando centinaia di giovani donne, alte almeno 1,70 e preferibilmente bionde. Sembra che questo sia il piano su cui si è sviluppata l’amicizia tra i due. Totale fallimento, nessun cambiamento ratificato quindi sulle politiche di sviluppo insostenibile che minacciano la terra per i cambiamenti indotti al clima e l... Continua
Pubblicato in: Ambiente, Diritti umani, Donne, Esteri, Europa,

Verso la costituente ecologista e le regionali

postato il 17 nov 2009
Verso la costituente ecologista e le regionali
Ho partecipato nello scorso weekend alla riunione indetta dai Verdi di cui il Partito radicale ha fatto l’intera registrazione e a quella del gruppo delle Cinque Terre tenutasi a Nemi nella bella casa di Maurizio di FioriGialli che ormai accompagna, insieme al figlio, ogni riunione di Verdi con la postazione dove si trovano gli ultimi libri in tema (Segnalo Cohn-Bendit “Che fare?”, Guido Viale “Prove di un mondo diverso”, Hawken “Moltitudine inarrestabile” e Naomi Klein “Shock economy” in cui si trovano riflessioni da approfondire rapportandole al caso italiano). In entrambe si è cercato di delineare il percorso che dovrebbe portare alla riunificazione di tutte o quasi le correnti italiane... Continua
Pubblicato in: Ambiente, Donne, Europa, Istituzioni, politica,

La sinistra 20 anni dopo la caduta del muro

postato il 8 nov 2009
La sinistra 20 anni dopo la caduta del muro
Barbara Spinelli su La Stampa di oggi fa una ricostruzione impietosa del ruolo del Pci in Italia prima, e soprattutto dopo quella Cosa che Occhetto dovette inventarsi alla Bolognina. Una Cosa indefinita per la necessità di ripudiare una storia che si era legittimata fino al giorno prima senza aver mai tentato un altro progetto, ad esempio un partito socialdemocratico riformatore in grado di condurre una vera opposizione che puntasse al governo per una alternanza al sistema democristiano. I socialisti dal canto loro, stretti tra i due partiti di massa, uno sempre al governo e l’altro formalmente all’opposizione con ambizioni di compromesso storico ma in realtà al governo in molte situazioni locali, dopo il centrosinistra fanfaniano... Continua
Pubblicato in: Donne, Esteri, Europa, Istituzioni, politica,

Sesso a pagamento per politici di destra e di sinistra

postato il 28 ott 2009
Sesso a pagamento per politici di destra e di sinistra
Naturalmente per politici maschi. Sovente accompagnato da coca. E da ricatti. Cristina Alicata su facebook parla di ipocrisia maschile, dice che il pagamento delle prestazioni sessuali agevola la prostituzione e che l’avvertimento di Berlusconi è un ricatto. Che politici, attori e calciatori dovrebbero fare un bel coming out collettivo per sottrarsi ai ricatti. Io direi che Berlusconi copre un ricatto anzichè denunciarlo come un Presidente del Consiglio dovrebbe fare immediatamente preoccupandosi del fatto gravissimo che sia orchestrato da 4 carabinieri in carica. Suggerisce di fare una lista nuova in Lazio con donne e giovani Marzia Ventimiglia invece invita ad una terapia di gruppo su “Effetti del potere: stress e sesso border... Continua
Pubblicato in: Donne, Istituzioni, politica,

Abbiamo vinto. Svolta nell’Assemblea dei Verdi

postato il 11 ott 2009
Abbiamo vinto. Svolta nell’Assemblea dei Verdi
All’Assemblea di Fiuggi è prevalso l’orgoglio della propria storia e la speranza dei verdi e degli ecologisti di cambiare questo mondo ingiusto e violento a partire anche dall’Italia, dove la dirigenza sconfitta tentava di indurli ad una mutazione genetica con la confluenza in SeL, peraltro in modo del tutto gregario e subordinato. Ma la cultura che rappresentiamo è irriducibile a questi giochetti e gli applausi hanno segnato per tutto il pomeriggio l’orgoglio verde che riemergeva con sempre maggior convinzione. Il vero sconfitto dell’assemblea di ieri è Paolo Cento, che dai tempi del suo ingresso nei Verdi attraverso lista Arcobaleno di Ronchi e Rutelli non ha mai rinunciato a portare avanti la cultura minoritaria... Continua
Pubblicato in: Ambiente, Donne, Istituzioni, politica

La socialdemocrazia scende e i Verdi salgono in Europa

postato il 1 ott 2009
La socialdemocrazia scende e i Verdi salgono in Europa
Dopo le elezioni in Germania dove l’SPD ha preso una batosta storica, politici e commentatori si affannano ad analizzare come mai, a differenza che negli Stati Uniti e nel mondo, in Europa la crisi finanziaria ed economica favorisca le destre che stanno conquistando o conquisteranno i governi in quasi tutti i paesi. Dopo Francia, Italia e Germania infatti, anche in Inghilterra e Spagna è ormai probabile la sconfitta di Brown e Zapatero. Dopo aver tenuto con grande difficoltà e senza maggioranza certa in Portogallo ed essersi affermata in Islanda e Norvegia, pare che solo in Grecia la sinistra riuscirà a vincere. Non conosco bene le sinistre di questi ultimi paesi, ma credo che per la loro storia e la loro collocazione geopolitica si... Continua
Pubblicato in: Ambiente, Diritti umani, Donne, Esteri, Europa, Istituzioni, politica,

ONU, FMI e G20: qualcosa cambia

postato il 25 set 2009
La risoluzione 1887 approvata all’unanimità a NY dal Consiglio di Sicurezza ONU, presieduto da Obama, per la non proliferazione nucleare, non pare essere solo un avvertimento a Iran e, in subordine a Corea del Nord, ma una svolta verso il disarmo nucleare guidata dalla nuova amministrazione Usa. Questo significa che in tendenza dovranno rinunciarvi anche gli stessi Usa, la Russia, Israele e quanti altri sono stati finora legittimati a costruirsi un arsenale nucleare? Si andrà veramente verso una liberazione dal nucleare militare? Certo aveva ragione Gheddafi a denunciare l’assurdità della composizione di questo Consiglio di Sicurezza, rimasta ferma all’equilibrio di potere del secondo dopoguerra: questa affermazione era... Continua
Pubblicato in: Ambiente, Diritti umani, Esteri, Europa, politica,

Provare a parlare, scrivere e pensare come usciti dalla caverna

postato il
Il lungo intervallo dall’ultimo post che risale al periodo delle elezioni europee avrà disabituato al blog i pochi e le poche che saltuariamente lo seguivano. Ho preferito concentrarmi sul libro che sto scrivendo anche perchè mi sembrava che i cambiamenti non erano ancora così chiari e la possibilità di esprimere un nuovo modo di essere al mondo fosse sempre più contrastata dalla “cultura berlusconiana” imperante nel nostro paese di cui troppe e troppi sembravano subire il fascino. L’anomalia italiana di una classe politica al governo sempre uguale a se stessa e, se possibile, sempre peggiore nei suoi messaggi di superficialità, immoralità, falsità, complicità contrasta con i cambiamenti che, dopo la crisi finanziaria... Continua
Carica altri articoli