Archivio dell'anno

2014

Post democrazia

postato il 28 nov 2014
Post democrazia
Ad ogni tornata elettorale  misuriamo la post democrazia.  Questa volta in Emilia Romagna, con la sua storia, l’astensione ci fa temere “derive incontrollabili” come scrive  l’ex-M5S Adriano Zaccagnini appena entrato in Sel, e cacciato da quel movimento che appena due anni fa si era guadagnato un terzo dei consensi del corpo elettorale, e ora, in caduta libera persevera con le espulsioni, applicando il peggiore stalinismo dei nostri tempi a mezzo Web. Ad ogni contorsione e proposta politica di vertice misuriamo l’inadeguatezza a dare forma ad un’alternativa alla vecchia forma partito-casta. L’ultimo Vendola  inaugura l’anno nuovo con Human factor,  proposta antropocentrista espressa in una... Continua
Pubblicato in: Istituzioni, politica,

Post voto

postato il 26 nov 2014
Post voto
Il giorno dopo le commemorazioni della giornata contro la violenza alle donne e il voto alla camera del jobs Act, voglio ragionare sulla politica in Italia e sulla lontananza totale dai problemi quotidiani di donne come io sono, ma anche di uomini, in particolare di tutt* quelli che si trovano in gravi difficoltà personali e che non credono più che la politica, le istituzioni, lo Stato vogliano fare qualcosa per aiutare a stare un po’ meglio e garantire la dignità di vita. Che ci aiutino a pensare che un futuro più giusto e meno violento sia possibile. Che siamo capaci di fermare la distruzione della vita sul nostro pianeta. Dopo i risultati delle regionali, dove ha vinto in modo eclatante il partito del non voto con punte che superano... Continua
Pubblicato in: Donne, Europa, Istituzioni, Lavoro, politica,

Penelope si è stancata

postato il 20 ott 2014
Penelope si è stancata
Una bellissima settimana siciliana tra amiche vecchie e nuove a discutere, tra donne e amici curiosi, di questa politica partitica e istituzionale, ormai intollerabile per la maggioranza di noi, a condividere le mille iniziative che portiamo avanti sui territori per rappezzare i danni di una crisi senza fine che distribuisce miseria e non lavoro, a ipotizzare una società in cui noi donne smettiamo di fare le gregarie di presunti oppositori di sinistra a un governo di larghe intese che si definisce di sinistra. Ieri è comparso sul Manifesto a pagamento un ennesimo annuncio di volontà di riunificazione della sinistra, con l’autorevole firma di Luciana Castellina, e altri duecento comunisti che si definiscono sinistra lavoro. Si prepara... Continua
Pubblicato in: Donne, Lavoro, politica,

Potere e Nonviolenza: discussioni di donne e non solo

postato il 8 set 2014
Potere e Nonviolenza: discussioni di donne e non solo
Ho passato gli ultimi due weekend a discutere tra donne e, a Caranzano, anche uomini che su questo lavorano, compreso un ispettore di polizia, di potere e di violenza. Differenze ma progettualità comune. Mi ha fatto un gran bene ritrovare l’intesa dopo le amarezze della mia esperienza in Tsipras che devo ancora elaborare. Dopo che anche quello che avevo proposto dal punto di vista di una femminista che  pratica la politica con uno sguardo diverso. Quello maturato in dieci anni di consigliera di parità in provincia  e di Commissione per le pari opportunità presso la presidenza del Consiglio, la prima con Tina Anselmi, che saluto con grande affetto e ringrazio anche per tutto il lavoro fatto da Ministra, leggi, PD2, parità sul lavoro... Continua
Pubblicato in: Donne,

Riflessioni sul documento di Alba

postato il 20 ago 2014
Riflessioni sul documento di Alba
  Pubblico sul mio blog le considerazioni che ho inviato sul profilo FB di Nuovo Soggetto Politico in vista della riunione del 30 Agosto a Roma dei 221 che si sono proposti per il coordinamento nazionale perchè non le vedo comparire lì. Ricomincio il confronto da un soggetto organizzato a livello nazionale, che ha ha avuto un peso determinante nella presentazione e nella conduzione della lista Tsipras e la faccio nelle ore in cui qualcuno ha suggerito una polemica volgare su Dagospia contro la nostra eletta Barbara Spinelli, a cui va la mia solidarietà. Polemica in cui non ho nessuna intenzione di entrare ma vorrei continuare invece un confronto costruttivo verso il nuovo soggetto politico in Italia. Car* amic* di Alba, riprendo la... Continua
Pubblicato in: Europa, Istituzioni,

l’assemblea Tsipras di Roma

postato il 20 lug 2014
l’assemblea Tsipras di Roma
Sto tornando con il treno della notte da Roma dopo assemblea. Si russa nelle altre cuccette e, nonostante fossi stanchissima, non dormo e penso. E rivivo sensazioni, emozioni, fastidi, ma una grande ricchezza, una passione che ci attraversa, la contentezza di ritrovarsi con chi si è più affini, il gruppo ecologiste/i, le amiche femministe, attivisti piemontesi: ci teniamo collegati in chat perché siamo sparsi in gruppi diversi e poi andiamo a cena insieme in attesa del treno. Altri partono presto o sono rimasti a casa e ci chiedono com’è finita l’assemblea. Mi sto rassegnando al fatto che com’è finita ogni riunione si saprà poi  da chi fa i report. Come è finita questa? Con le relazioni dei gruppi, in genere parziali... Continua
Pubblicato in: Donne, Europa, Istituzioni, politica

Un modo differente di essere leader

postato il 17 lug 2014
Un modo differente di essere leader
Sto partendo per Roma. Oggi ultimo incontro e collegamento skype per preparare l’assemblea. Ieri ho firmato” Dopo l’ altra Europa” un bel contributo politico di Domenico Finiguerra che condivido per il modo chiaro, senza ambiguità, di esprimere cosa vogliamo sia la lista Tsipras in Italia. Sempre Domenico ci ha segnalato le considerazioni di Lucia Ciamoli che mi paiono un modo differente di indirizzare pensieri, passione ed azione perché parte da sé, proprio come abbiamo sempre fatto nei nostri confronti femministi. Dopo tanti discorsi affastellati e spesso confusi  che si susseguono sulla mailing list che raggruppa più di 400 persone ma che non so in quanti seguono costantemente ( molto pochi e sempre i soliti... Continua
Pubblicato in: Europa, politica,

Come ci organizziamo e chi ci rappresenta?

postato il 19 giu 2014
Come ci organizziamo e chi ci rappresenta?
Mi pare interessante questa fase, anche se faticosa, per provare a rispondere un po’ diversamente dal solito a queste domande a cui per la maggioranza di italiani (quella che non vota più e che è il più grande partito senza rappresentanza) nessuna forza politica sa rispondere. Come ci organizziamo e chi ci rappresenta? C’è un gran fiorire di proposte in queste settimane post voto tra molti attivisti ed ex-candidati della lista Tsipras per capire come arrivare alla assemblea del 19 luglio che dovrebbe decidere l’avvio di una fase costituente di una “cosa” complessa che non ha nome né chiara identità, ma che vuole essere la trasposizione in Italia di quell’esperienza, relativa alle elezioni europee, che... Continua
Carica altri articoli