Creare ponti

postato il 1 Lug 2019
Creare ponti

Tra due giorni, il 3 luglio, ricorre l’anniversario della morte di Alex Langer, l’unico uomo verde che compare, con la sua polemica con Rossana Rossanda sull’aborto, nel nostro libro di testimonianze e documentazione “l’ecofemminismo in Italia”, che sta diventando il veicolo di incontri importanti in tanti luoghi. Ieri a Napoli la seconda volta a distanza di due anni dall’invito di Lia Polcari, ne abbiamo riparlato nonostante il caldo con un nuovo gruppo di amiche molto interessate anche a Iniziativa Femminista e all’appello di attiviste e attivisti riuniti tutta la giornata alla Cittá del Sole.

Tiziana Giangrande e la sua compagna Gina, conosciute nell’incontro di Pescara, hanno riportato il centro dell’attenzione subito sull’attualitá politica e le forme di partecipazione nel movimento collegandosi al pensiero circolare e all’invidia dell’utero di cui parlavo negli anni ’80 sulla rivista Reti e nel nostro convegno del Forum Donne verdi “Fiore Selvatico”. Maria Esposito Siotto rintraccia tutto ció che oggi é di estrema attualitá rispetto alla crisi climatica, dalla distruzione di ecosistemi all’inquinamento del cibo, dell’aria, delle acque e dei terreni, alle biotecnologie nella nostra attivitá in quegli anni. Oggi, nonostante l’uscita dell’Italia dal nucleare che imponemmo dopo Chernobyl, vincendo grazie alla mobilitazione continua delle donne il referendum, lo sviluppo insostenibile, la prevaricazione e predazione maschile ci stanno portando ad un punto di non ritorno, allora inimmaginabile. Per questo l’impegno diretto nelle istituzioni si pone come problema da affrontare concretamente dopo gli ultimi risultati elettorali.

Erigere muri, aizzare all’odio, augurare lo stupro alla capitana e attaccare chi la difende come la cantante Emma Marrone, strappare i bambini alle loro madri per lucrare sull’affido, come facevano i servizi sociali, pare con la copertura del sindaco di Bibbiano, chiudersi in camera per anni con i videogiochi e buttarsi dal balcone nella mia cittá a 19 anni quando la madre gli ha sottratto la tastiera, sono gli ultimi orrori che segnano la solitudine, il disagio la violenza minacciata o subita da una parte e la protervia, l’arroganza e l’incapacitá di farsi carico di problemi gravissimi di chi esercita un potere ed é istigatore di degrado e violenza o complice. In questa situazione l’avvicinarsi di altre elezioni regionali in Calabria, Emilia Romagna, Umbria e Campania non puó essere lasciato preparare dai soliti tavoli nelle segrete stanze che ci privano di possibilitá di partecipazione reale. In tutte queste regioni ci sono nuclei ecofemministi e di attiviste e attivisti in vari movimenti .

Anche nella riunione precedente si era discusso dei presidi politici da attivare sul territorio con chi é venuto a confrontarsi a Napoli e dei rischi di non avere luoghi dove considerare tutto quello che sta succedendo

Sabato prossimo ci troveremo a Milano con i sottoscrittori del ricco documento emerso a partire dall’enciclica di Francesco che ormai, da quattro anni si spende a mettere in primo piano i rischi che stiamo correndo. Una voce nel deserto, raccolta da Greta insieme ai ragazzi di FfF scesi in piazza non per rivendicare il diritto allo studio e al lavoro, come sarebbe giusto, ma per chiedere il diritto alla vita su questo pianeta..

Coscienza del limite e responsabilitá politica in questa fase difficile accomunano le centinaia di estensori, revisori e firmatari di un lavoro collettivo che hanno dato vita ad un’inedita alleanza per il clima e la giustizia sociale in grado di orientare le scelte della politica, senza cedere alla tentazione della “reductio ad unum” e dando il via ad iniziative territoriali.

Caro Alex, viaggiatore leggero, per due anni ho fatto come te, cercando di sollevare speranze al di fuori di recinti per costruire ponti ed abbattere muri. In questo anniversario sono convinta che qualcosa di importante stia quagliando. Non conosco altro modo per ricordarti con riconoscenza.

Pubblicato in: Ambiente, Donne, politica,
Commenta

Lascia un commento