Dalla Sardegna, passando per l’Europa: maggio ecofemminista

postato il 3 Mag 2019
Dalla Sardegna, passando per l’Europa: maggio ecofemminista

Ricevo sempre da donne gli stimoli più interessanti per capire come procedere. Da donne molto diverse tra di loro, in situazioni territoriali differenti, ma che si riconoscono come me nella politica ecofemminista.  A metà aprile sono stata ad Atzara, ospite di Rossana Piredda, alla iniziativache ha organizzato con Monica Lanfranco per il 25 anni della rivista Marea. Abbiamo discusso di molte questioni, sono stati presentati molti libri, abbiamo cantato e ballato intorno al fuoco, con il ritmo martellante delle TamburA Battenti come potrete vedere se volete  documentarvi in questo link che raccoglie i video girati dalla giovane operatrice, Alessandra Manca, di cui sono diventata amica, e resi fruibili da Monica. Abbiamo piantato viti con i bambini delle elementari, perchè a causa dei cambiamenti climatici in atto da due anni la produzione di un vino pregiato ed esportato ovunque si è drasticamente ridotta, siccità e gelo fuori stagione hanno distrutto interi vigneti. E’ stato un gesto di speranza, una mattinata educativa alla presenza di sindaco e parroco. Tante donne hanno partecipato ai dibattiti e alle varie manifestazioni, hanno cucinato dolci e pietanze sarde per tutte noi, ci hanno raccontato storie. Ho parlato di Ecofemminismo, perchè ero stata invitata per questo, ma tutto ad Atzara è stato ecofemminista.

Ieri a Milano, Vandana Shiva, tradotta e intervistata da Ilaria Baldini, di IF come Monica e me, ha affrontato temi ecofemministi, denunciando l’accaparramento  di semi e terra da multinazionali che hanno così emarginato le donne e le loro conoscenze. www.libreriadelledonne.it, postato da Daniela Padoan, insieme alla quale abbiamo arricchito con il capitolo ecofemminismo il bellissimo lavoro di report dell’incontro di Laudato si di qualche mese fa a Palazzo Reale, sempre a Milano.

Ma se ne parlerà anche  domenica a Roma, in un incontro di If e il 18 maggio a Perugia.

Al Sud, a Pescara le amiche di Autrici di civiltà, sempre il 18, hanno organizzato con Edvige Ricci e Luciana Percovic di Le majellane l’interessante seminario di cui posto qui la locandina

 e il link all’evento facebook.

Con Antonella Caroli, già autorità portuale di Trieste, ne parleremo il 25  in chiusura della sua bella biennale donna.

E proprio ieri ci è arrivata dalle amiche svedesi di If, in campagna elettorale per le europee, la notizia che il 24 maggio si mobiliterranno tutta la giornata con lo slogan “Europe, needs ecofeminism” e chiedono di farlo in tutti i paesi con iniziative analoghe.

Nel frattempo è arrivata la notizia che conservatori e laburisti hanno preso una sonora batosta nelle elezioni locali in Inghilterra e Irlanda del Nord, mentre i verdi, che sono europeisti critici, hanno raddoppiato i loro seggi.

In Spagna la sinistra con Podemos ha tenuto grazie al voto delle donne.

Ragazze, tocca a noi.

ecco qui il mio intervento ad Atzara

 

Pubblicato in: Ambiente, Donne, Europa, Istituzioni, politica,
Commenta

Lascia un commento