LE CLASSI DI INSERIMENTO

postato il 23 Ott 2008
LE CLASSI DI INSERIMENTO

Il testo che segue è lo scritto che la mia amica Elvia Franco ha inviato come commento al mio post di stamattina. Mi è sembrato importante inserirlo anche come articolo per dargli maggiore evidenza. Purtroppo oltre a Cota, anche Gelmini, Berlusconi e gli altri politici non hanno la sua storia e non hanno vissuto nelle classi elementari la curiosità dei bambini verso chi è diverso. Nè sentono la necessità di ascoltare chi, come Elvia, ha esperienza, emozioni, storie e le ha eleborate. I nostri politici non hanno ascolto per chi opera nella scuola, per gli studenti e tantomeno per i bambini da cui abbiamo tutto da imparare.

Che ne sa il leghista Cota dell’inserimento dei bambini stranieri nelle classi delle nostre scuole?

Ha mai visto una classe all’opera?
Ha mai visto come le bambine e i bambini stranieri e italiani interagiscono tra di loro?

Ha mai visto i bambini e le bambine italiani applaudire i loro compagni cinesi o marocchini, albanesi o ghanesi in quei momenti magici in cui iniziano ad impossessarsi della nostra lingua e dicono in italianoimmagine dal sito http://lamaestravisaluta2.blogspot.com/search/label/ITALIANO%20PER%20STRANIERI le prime parole e leggono sul libro di lettura comune e scrivono testi che si fanno capire?
Ha mai visto il bambino cinese che alla lavagna scrive i misteriosi segni della sua lingua e tutti i bambini gli corrono attorno e vogliono che gli scriva il loro nome o solo ciao in quell’affascinante alfabeto?
Il leghista Cota ha qualche cognizione di come si apprende una lingua?
Nelle classi di transizione, come lui le chiama, l’apprendimento non può che essere tagliato in modo esclusivo sulla verticalità. L’insegnante e i bambini. Kosovari, rumeni, albanesi, del Bangladesh, del Congo. Bambini che stanno lì in classe, stranieri in mezzo a stranieri.
Il leghista Cota ha mai visto la più vivace delle orizzontalità, costituite da parlanti in interazione fra loro, bambini stranieri e i loro compagni italiani, dentro una classe comune? Li ha mai visti giocare a nascondino e capirsi, e, ancora prima, fare la conta e impararla velocemente, li ha mai visti trafficare con le figurine o fare per terra le piste per le macchinette o giocare insieme al lupo mangia-frutta o dare un calcio a un pallone?
Forse il leghista Cota pensa sul serio che l’inserimento delle bambine e dei bambini stranieri sia una sottrazione di tempo all’apprendimento dei bambini italiani.
Come se l’impoverimento della mente fosse il frutto della diversità in relazione!
Al contrario.
Accade, invece, in luoghi omogenei, in situazioni anche elitarie, non ravvivate da stimoli vivi, prive di parole che si rinnovano e di simpatia.
La mente impoverisce sempre dove non circola il senso umano della vita.
E, nella dicotomia, nel concetto del “noi” e “loro”, diventa anche cattiva.
Il “noi”.
Si coniuga naturalmente al “con loro”.
“Con loro” in classi di non più di venti bambini.
“Con loro” nella scuola e nella lingua italiana.
Nella nostra lingua bellissima che si arricchisce anche quando impariamo a dirci ciao in tante altre lingua; nella nostra lingua bellissima che i piccoli stranieri si impegnano ad apprendere anche in corsi extrascolastici, come fanno davvero, ma sapendo che appartengono ad una classe di riferimento certa e anche loro.
L’empatia è naturale fra bambini e bambine di lingue e religioni diverse.
L’empatia, non la tolleranza offensiva
L’empatia, il sale di una società sana, di un mondo adulto e maturo.
L’empatia, come fatto spontaneo dei bambini, in primis, che solo la cattiva coscienza o meglio l’ incoscienza vergognosa reprime, fra vanto ed ipocrisia.
L’empatia, che distrugge alla radice bullismo ed intolleranza, come non potrebbero mai i cinque in condotta.
Infine l’empatia, pietra angolare che i disinvolti costruttori scartano, ma che è là e resta là, capace di sorreggere solide case.

Cordialmente

Elvia Franco
Udine, 15-10.-08

Pubblicato in: Diritti umani, Istituzioni, politica,

Commenti:

  • massimo marino 5 Novembre 2008

    dal 5 novembre inizia

    ECO

    il sito dove puoi fare una visita, leggere o
    scrivere,vedere o inviare foto, video, links

    Tutti i giorni un post e notizie su quanto accade nel mondo!

    Interventi e commenti su argomenti vari:
    ecologia – non violenza – difesa del pianeta – politica e caste – notizie introvabili
    ma anche appuntamenti – cinema – musica – libri – sport – foto dal mondo … e altro!

    Ogni giorno puoi linkare leggere e inviare commenti a

    http://www.eco-ecoblog.blogspot.com

    Per accedere al blog clicca qui

    Ogni settimana riceverai un estratto dal blog con i post ed i commenti principali da

    ecoblog@libero.it

    al quale puoi anche scrivere contributi, suggerimenti e proposte
    senza inviarli direttamente al blog

    I primi post a proposito di :

    *elezioni in USA (quanti votano il Presidente?)
    *studenti e movimenti (ma dove finiscono i movimenti ?)
    * legge elettorale per le europee (dov’è l’imbroglio)
    *la musica ecosociale dei Sigur Rós (dalla terra dei vichinghi)
    *il libro del mese (scrittori eco della costa est degli USA)

    a cura di
    Massimo Marino
    …e di tutti quelli che vogliono intervenire!!!

Commenta

Lascia un commento