Archivio categoria:

Ambiente

che fare

postato il 15 Mag 2022
che fare

Durante la pandemia tutti hanno scoperto che al paradigma dello sviluppo (insostenibile per catastrofi climatiche oltre che per la pandemia) era ora di sostituire quello della cura. Di fronte all’incapacità della scienza di spiegare come questo virus era nato e si stava diffondendo ovunque velocemente procurando cosi tante morti e della politica di prendere provvedimenti sostenibili, umanamente e democraticamente, per contenerlo e mettere il sistema sanitario, pesantemente tagliato e privatizzato, in grado di accogliere i malati, era necessario affidarsi alle donne. Naturalmente perché erano le uniche che curavano a domicilio chi si ammalava, non pagate o sottopagate rischiando il contagio... Continua

Ecofemminismo su DWF

postato il 1 Mag 2022
Ecofemminismo su DWF

Ho ricevuto e letto d’un fiato l’ultimo numero del trimestrale DWF che abbiamo discusso con la redazione che ringrazio per l’invito a partecipare e di cui riporto una parte dell’editoriale:

Gli ecofemminismi sono una costellazione che abbraccia molteplici approcci, contesti, storie collettive. Da un punto di vista generale, gli studi “di genere” che fanno riferimento all’ambiente e alla scienza vengono fatti rientrare in quel filone “ecofemminista” nato in America negli anni Sessanta dall’incontro tra movimenti di liberazione delle donne e movimenti ecologisti. Una lettura che mette... Continua

Finalmente vinciamo anche noi: adesso si cambia tutto!

postato il 28 Apr 2022
Finalmente vinciamo anche noi: adesso si cambia tutto!

Si tratta di una tappa verso il potere reale, quello di riconoscere con il proprio cognome i propri figli e non essere costrette a sottomettersi alla volontà del padre famiglia che fino a ieri ha esercitato nel nostro paese la patria potestà sui figli imponendo il proprio cognome, prima con una prassi consolidata degli uffici anagrafici in tutto il paese, mai messa in discussione politicamente neanche con la riforma del diritto di famiglia, e poi, da un po’ di anni , quando cresceva la nostra consapevolezza e si presentavano proposte di legge che superavano questa vergognosa discriminazione, dichiarando incostituzionale una parte dell’ art 262 codice civile, quella che solo un figlio “naturale”, cioè nato fuori dal matrimonio... Continua

Giornata della Terra

postato il 22 Apr 2022
Giornata della Terra

Ogni anno questa ricorrenza misura la crisi profonda che la politica mondiale e l’economia finanziaria globale hanno determinato per i viventi di tutte le specie ospitate su Madre terra, pachamama come la chiamano in America latina, dove è rimasto lo spirito animista degli indios anche in molti colonizzatori.

Questo è davvero l’anno in cui dobbiamo fare seriamente i conti con tutto quel che sta succedendo. Il livello di pericolo non è mai stato così alto. Vorrei porre in primo piano una questione per me cruciale: possiamo proseguire come si fa ora a distruggere e a diffondere violenza da una parte e, dall’altra, donne impegnate e ecologisti si possono accontentare di piccoli aggiustamenti... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Donne, Europa,

Riflessione in questa domenica delle palme

postato il 10 Apr 2022
Riflessione in questa domenica delle palme

Non so prevedere né quando né come finirà purtroppo e di fronte a tutti i distinguo e gli improvvisati esperti, generali e no, pacifisti e no, storici e geopolitici che ci ricordano le guerre dal medioevo in tutto il mondo io, ecofemminista e quindi non violenta, non so che dire oltre che oggi il re è nudo e invitare a disertare il patriarcato donne, e soprattutto uomini. Voglio ricordare con il.premio Nobel per la pace del 1905, Bertha von Suttner, che la guerra deve uscire dalla storia o non ci sarà più storia per la nostra specie. E che l’ecofemminismo rimane l’unica via di uscita da questo sviluppo ormai insostenibile. O sappiamo assumercene la responsabilità, uscire dalle nostre cucce calde, unirci e imboccare la... Continua

Uomini che disertano il patriarcato

postato il 23 Mar 2022
Uomini che disertano il patriarcato

Adriano Sofri: le donne si stuprano gli uomini si ammazzano, Questi i valori tradizionali di Putin e Kirill, La bomba atomica capolavoro del patriarcato, C’erano tre minacce sul genere umano: clima pandemia e atomica e Putin si è buttato sulla terza, l’unica che poteva maneggiare. Ora le donne hanno ragione a dissociarsi da questa storia. Il carteggio Sofri-Melandri si trova su Il Foglio e Il Riformista.

A partire da questa premessa si è tenuto l’ultimo incontro ecofemminista a cui, tra glia altri, ha partecipato Piero Muo, ecosocialista di Prima le persone che vive in Francia e ci ha consigliato questo libro, scritto prima della guerra: ecco l’inizio, oggi che il primo tornado di stagione investe Los Angeles:Continua

Post 8 marzo 2022

postato il 9 Mar 2022
Post 8 marzo 2022

Ho scritto su una rivista che me lo ha richiesto il mio messaggio per questo 8 marzo appena passato in piazza o in aiuto a donne e bambini profughi. Un 8 marzo di guerra e pandemia che ci mostra un bivio verso la capacità di essere protagoniste e curare noi con il mondo o la rassegnazione a una terza guerra mondiale, catastrofi climatiche inimmaginabili che siamo stati incapaci di prevenire e che non sapremo affrontare, malattie e epidemie che non riusciremo più a curare. Pensavamo di stare per liberarci da omicron e oggi omicron2, a cui i vaccini fanno un baffo, li fa risalire. Una realtà che già ora supera in drammaticità i tanti libri di fantascienza e i loro scenari distopici che abbiamo letto in questi tempi in cui ci raccontavano... Continua

Fuori la guerra dalla storia – 3

postato il 1 Mar 2022
Fuori la guerra dalla storia – 3

Ricominciamo da Petra. Contro ogni guerra, i testimoni dell’ecopacifismo

Ieri sono cominciati i negoziati dopo la minaccia nucleare di Putin e l’invio massiccio di armi da parte dell’Europa a Kiev. 60 km di carri armati russi stanno circondando Kiev e ieri, e anche Kherson al Sud, Kharkiv al Nord è stata bombardata tutto il giorno con numerosi morti e feriti tra i civili, tra cui molti bambini. Centinaia di migliaia di profughi sono fuggiti e in tutta Europa si manifesta contro la guerra, anche in Russia dove numerosi sono gli arresti dei pacifisti e le sanzioni si fanno già sentire pesantemente.

Venerdì scorso abbiamo iniziato un confronto tra ecopacifiste di cui abbiamo pubblicato ieri Continua

Carica altri articoli