Archivio categoria:

Lavoro

E quelli come lui, li tolleriamo?

postato il 16 Lug 2021
E quelli come lui, li tolleriamo?

Laura Marrucci, una amica di cui apprezzo la capacità di vivere e di scriverne con passione, ha scritto ad un suo contatto quello che condivido qui per farlo sapere a tutte e tutti voi e aprire un confronto con chi continua a sostenere che sex work is work e a non mettere mai in discussione la sessualità predatoria di chi va a prostitute.

Grazie Laura è un conforto sapere che ci sono giovani donne con la tua chiarezza e il tuo coraggio di non cedere mai di un millimetro a questa modalità di rapporti umiliante. ho omesso il cognome non per fare un piacere a questo individuo ma perchè tutti gli uomini come lui si possano riconoscere più facilmente senza illudersi di non essere lui. Sono tutti Fulvio, stupratori a pagamento... Continua

Pubblicato in: Donne,

tutte in vacanza?

postato il 1 Lug 2021
tutte in vacanza?

Da qualche tempo sono più silenziosa e siamo più zitte. Tutte in vacanza? Tutte stanche delle ipocrisie della politica? Deluse da quelle e quelli che speravamo ci rappresentassero nelle istituzioni e da chi decide quali dovranno essere i prossimi, nelle elezioni di autunno. Perché sono stati ben pochi i momenti nella storia in cui alcune donne coraggiose hanno saputo sottrarsi al ruolo di gregarie dei potenti che decidevano nelle segrete stanze come consolidare il loro potere di padri padroni, sempre escludendo le donne di corte perché non abbastanza affidabili, e sempre convinti di avere la verità in tasca.

Qualche giorno fa è circolata in rete una frase di cui sono convinta: una donna che pensa fa paura, una che mette in... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Donne, politica,

Per un’arte di vivere insieme

postato il 4 Giu 2021
Per un’arte di vivere insieme

Ieri abbiamo raccontato di Elena Pulcini grazie a Noiretedonne e noidonne l’affetto e l’empatia che circolavano tra chi era collegata anche con Dario, suo marito e con il suo allievo Leonard, erano talmente palpabili da farci sentire che lei si curava ancora di noi, facendoci stare insieme in quel modo che non ho mai vissuto in un webinar, e solo raramente in riunioni in presenza. Io avrei voluto spiegare anche la presentazione internazionale del secondo manifesto Convivialista... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Donne, salute,

La sicurezza che vogliamo

postato il 28 Mag 2021
La sicurezza che vogliamo

Come sempre dopo ogni incidente sul lavoro i media si riempiono di titoli e commenti che sembrano far riemergere un po’ d’umanità e che indagano sulle cause ma mai sui mancati controlli e sul perchè del numero esorbitante di morti. Così come dopo ogni femminicidio, spesso annunciato perchè il maltrattante era stato denunciato inutilmente, e ogni stupro. L’imprenditore di Milano ha potuto agire impunito per anni, drogando ragazze che convocava promettendo loro lavoro, come Genovese, inventore di Facile.it, quello dei festini sulla terrazza sempre milanese.

La strage della funivia del Mottarone, precipitata a causa delle due forcelle messe per impedirne il bloccaggio lascia allibiti. Dalla riapertura tutti quelli... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Diritti umani, Donne, Europa, Lavoro, politica, salute,

come organizzarci

postato il 21 Mag 2021
come organizzarci

Cerco di spiegare perchè come Ecofem ci stiamo allargando velocemente e abbiamo di conseguenza, con le altre associazioni che hanno voluto promuovere con noi, lanciare questo messaggio che sta cominciando a raccogliere adesioni ad un confronto politico aperto sulla situazione attuale, sempre più confusa e senza prospettive chiare, dove tanti sgomitano per governare le grandi città, e forse anche quelle più piccole, senza nessuna prospettiva e proposta chiara che ci faccia venire voglia di partecipare a campagne elettorali e a votare In tutte le democrazie, e non solo quelle occidentali, ormai si sa che a decidere tra due schieramenti chi vince sono le donne, sia con il voto che con l’astensione. In... Continua

Pubblicato in: Donne, politica,

Schierarsi è lo sport più diffuso

postato il 15 Mag 2021
Schierarsi è lo sport più diffuso

Credo di aver fatto il pieno in questi giorni di schieramenti, più o meno mascherati, che riportano noi donne indietro di decenni vendendo invece modernità, responsabilità verso altri oppressi, verso il futuro del nostro paese o dei palestinesi, verso il “bene”. Che ci richiamano all’altruismo, alla comprensione, alle direttive di partito o di gruppo parlamentare, alle responsabilità di governo, alla cura degli altri e del mondo.

Ma soprattutto sopporto sempre meno tutte le energie perse a schierarsi su una provocazione. Se la persona incinta con i peli sulla prima pagine dell’Espresso, “la diversità è ricchezza”, è uomo o trans. Se Rula Jebreal ha fatto male, è una irresponsabile perché non è andata da Bianchi... Continua

Pubblicato in: Diritti umani, Donne, politica,

Restore Our Earth

postato il 22 Apr 2021
Restore Our Earth

Oggi  è la giornata internazionale della terra, istituita dall’Onu nel 1970, dopo il disastro causato dalla marea nera di petrolio a Santa Barbara in California. Voglio festeggiarla ricordando Wangari Muta Maathai, un’ecofemminista  keniota che se ne è presa cura con successo fondando nel 1977, gli anni del femminismo, un movimento guidato da  africane, il Green Belt, che ha piantato 35 milioni di alberi ed ha contribuito a difendere la biodiversità della sua terra contro le monoculture coloniali di the e caffè. Ha fatto molte lezioni e scritto su di lei Monica Lanfranco diffindendo anche il video di animazione “Sarò un colibr... Continua

C’é sempre qualcos’altro di piú urgente

postato il 30 Mar 2021
C’é sempre qualcos’altro di piú urgente

Se si devono realizzare diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione alle donne italiane il nostro Parlamento e il governo di qualunque colore hanno sempre qualcosa di piú urgente da approvare. E cosí passano i decenni con l’accettazione silenziosa anche delle donne elette.

Il diritto delle madri di dare il proprio cognome ai figli é tuttora impedito nonostante le numerose condanne di corti non solo italiane. Dalla notte dei tempi della patria potestá, vige la prassi che le anagrafi del nostro paese assegnino a ogni neonato il cognome del padre d’ufficio, nonostante la riforma del diritto di famiglia che risale al 1975 abbia eliminato il potere anticostituzionale del solo padre sui figli.

A nulla sono... Continua

Carica altri articoli