Archivio categoria:

Donne

analisi del voto

postato il 29 Set 2022
analisi del voto

Col 43,79% il centrodestra prende 235 seggi.
Col 41,56% il centrosinistra + M5S ottengono 131 seggi.

E’ il risultato prodotto dalla vergognosa e antidemocratica legge elettorale Rosatellum voluta da Matteo Renzi che porta il nome di Rosato infatti. E che i successori di Renzi (Martina, Zingaretti e Letta) non hanno mai voluto modificare. Il Pd ha votato no alla prima lettura sul taglio dei parlamentari, perchè stava all’opposizione con Zingaretti. Provvedimento proposto dai 5 stelle che stavano al governo con la Lega. L’approvazione finale alla Camera, avvenuta nell’ottobre 2019, ha visto il voto favorevole del PD appena arrivato al governo un mese prima. Entrambi i partiti hanno promesso il... Continua

Troppi morti. Quali responsabilità?

postato il 19 Set 2022
Troppi morti. Quali responsabilità?

Nelle Marche sotto una ennesima catastrofe ambientale contano morti e danni mentre i sindaci denunciano di aver ricevuto dalla protezione civile solo una vaga allerta gialla e si scoprono i miliardi stanziati da circa venti anni per l’assetto idrogeologico del territorio mai utilizzati o utilizzati male. Una storia che si ripete dopo ogni disastro “naturale” con il senno di poi che non individua mai colpevoli reali e sbagli politici grossolani. Nessuno che faccia autocritica di tutti i molti politici vecchi che si ripresentano con nuovi nomi o nuove coalizioni anche in questa tornata elettorale.

Uno studente diciottenne muore durante uno stage sotto pesanti lastre senza che nessuno abbia fatto controlli e preteso sicurezza... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Donne, Lavoro, politica,

di quanto siamo arretrati?

postato il 31 Ago 2022
di quanto siamo arretrati?

La morte di Gorbaciov, silente in tutti questi anni dopo la sua deposizione nel 1991, ci riporta agli anni della caduta del muro di Berlino e di Chernobyl, quando la fine della guerra fredda e il processo di apertura e democratizzazione ci avevano fatto credere che il nuovo millennio avrebbe visto un altro mondo possibile. Un mondo senza guerre e più giusto, rispettoso delle differenze di storie e culture, capace di confronti e diplomazie liberi dalle ideologie e dalle violenze del secolo di sangue che stava finendo.

Rosalba Castelletti ci ricorda oggi una delle sue rarissime uscite con la sua ultima intervista a Repubblica cinque anni fa, quando denunciò che il mondo era sull’orlo di una catastrofe e invitò i presidenti di... Continua

Si litiga e si saltella di qua e di là

postato il 11 Ago 2022
Si litiga e si saltella di qua e di là

Siamo già in campagna elettorale nella massima confusione per chi sta fuori dal palazzo. Cioè per noi che siamo governati da una classe politica che non ci rappresenta, che ora fa e disfa sulla base dei collegi ridefiniti per il taglio dei parlamentari, che questa legge elettorale, il rosatellum, proporzionale e uninominale insieme, impone con alleanze improvvisate. E firme certificate a gogo per chi non è così fortunato da possedere, o comprare un simbolo che Tabacci ad ogni tornata vende a chi lo candida. Dobbiamo ringraziare Rosato che nel Pd governato da Renzi ci ha imposto questa legge facendo vincere Conti e Salvini. E ora temo che farà vincere la destra. Complimenti ai grandi strateghi che si definiscono democratici e progressisti... Continua

Pubblicato in: Donne, Istituzioni, politica,

il mio importante compleanno

postato il 4 Ago 2022
il mio importante compleanno

compiere ottanta anni in buona salute, con le amiche del Castelletto che mi festeggiano e fanno il bagno con me in questa acqua, amici e amiche della rete che da questa mattina all’alba mi fanno gli auguri, già almeno quattrocento a quest’ora su Fb, mail, messenger e ovunque è felicità. Vorrei ringraziarvi uno per una ma lo faccio subito qui per la contentezza.

Se si aggiunge che stasera ceneremo sulla punta di San Bernardino, sotto un pergolato pieno d’uva con Piero, mia figlia Paola e le mie nipotine ormai grandi, l’una appena maggiorenne che ha lasciato le sue amiche in Sardegna per venire a festeggiare la nonna, e la piccola covidosa che si è negativizzata giusto in tempo per esserci anche lei, è... Continua

Pubblicato in: Ambiente, Donne, politica, salute,

cosa vogliamo noi ecofemministe

postato il 2 Ago 2022
cosa vogliamo noi ecofemministe

Oggi abbiamo lanciato questo documento che spero interessi, vogliate commentare e diffondere.

Ci rivolgiamo alle donne e agli uomini che disertano il patriarcato e che, in tutte le formazioni che si presenteranno, vorranno il voto di tante donne (e anche uomini) che da tempo si astengono perché non rappresentate.

Siamo interessate a ricevere le vostre considerazioni e continueremo il confronto durante la campagna elettorale.

Abbiamo vissuto due anni di pandemia e pensiamo che qualsiasi emergenza possa essere gestita attraverso responsabilità condivise tra istituzioni e cittadinanza, con le pratiche dell’informazione e della partecipazione senza ricorrere a forme autoritarie che non hanno alcuna utilit... Continua

Elezioni e narcisi

postato il 25 Lug 2022
Elezioni e narcisi

Sono rare le donne, che si cimentano in questa corsa a convincere di votare la formazione che capeggiano. Oltre a Meloni chi? Maiorino per 5 stelle, Bonino che vuole fondare un nuovo partito repubblicano, le amiche del PD che non hanno mai avuto un momento di autonomia e attenzione vera alla nonviolenza, al nostro pianeta, alle pandemie che continuano a tormentarci, farci ammalare e farci morire, al lavoro che abbiamo perso, alla dipendenza economica che ci mette in balia di chi ci mantiene, a questa società politica di narcisi che non ci lascia spazio pubblico.

Io sono più progressista di, noi siamo gli unici, solo noi siamo il centro, la destra vera, non è colpa mia la crisi ma di chi ha…, votatemi e vi darò, veti... Continua

Ci stiamo abituando a morti ogni giorno?

postato il 4 Lug 2022
Ci stiamo abituando a morti ogni giorno?

La cosa che mi angoscia di più di questi tempi è l’incapacità di gran parte di eletti e responsabili nelle istituzioni, di prevenire le morti che riempiono ogni giorno le prime pagine e, una volta successo. di adoperarsi a non fare succedere più, punendo anche in modo esemplare i responsabili che in genere, per interesse o vendetta, hanno ucciso o hanno permesso che si morisse. E la loro intenzione manifesta di evitarlo, solo dopo che sono successi i drammi.

Temo che voltare lo sguardo dall’altra per non farsi coinvolgere stia diventato una modalità di relazionarsi senz’anima che si diffonde anche tra chi è più giovane, un adattamento che la rete favorisce.

La tragedia della Marmolada risveglia tutti i commentatori... Continua

Carica altri articoli